Essere vegani, essere vegani – Maya Novak – Allenatore per la salute e lo stile di vita ed esperto nel recupero degli infortuni

Maya Novak

Sito Web: http://www.mayanovak.com
Facebook: https://www.facebook.com/MayaNovakSocial
Twitter: https://twitter.com/MayaNovakSocial
Instagram (personale): https://www.instagram.com/maya.novak
Instagram (recupero della caviglia rotta): https://www.instagram.com/100_fit_and_recovered
Pinterest: https://www.pinterest.com/maya_novak
YouTube: https://www.youtube.com/c/MayaNovakSocial
88 Kitchen Tales: http://bit.ly/88KitchenTalesBook

Raccontarci qualcosa di te. Dove vivi, cosa fai per vivere.

Mi chiamo Maya Novak e sono un allenatore per la salute e lo stile di vita ed esperto di recupero da lesioni, appassionato di aiutare gli altri. Sono nato e cresciuto in Slovenia, poi nel 2012 ci siamo trasferiti in Nuova Zelanda e alla fine dell’anno scorso ci siamo trasferiti in Messico. Non siamo sicuri per quanto tempo resteremo qui, ma c’è una grande possibilità che questa non sia la nostra destinazione finale.

Ho iniziato con il coaching nel 2014, due anni dopo la svolta più grande della mia vita. Mi sono rotto la caviglia destra durante l’arrampicata su roccia – frattura del collo / del corpo con lussazione del mio osso talus destro. E sì, il recupero è complicato e lungo quanto la diagnosi.

Non ho sopportato pesi per le prime 12 settimane (ciò significa che sono stato più o meno 24/7 a letto per i primi 3 mesi). Poi mi è stato permesso di iniziare a mettere un po ‘di peso sul piede per le successive 6, 7 settimane e poi lentamente, lentamente è arrivato il pieno peso. Mi ci sono voluti 6 mesi per sbarazzarmi delle stampelle e 13 mesi per correre un po ‘più di 10 secondi. Il viaggio è stato lungo, estenuante, doloroso, solitario, frustrante ea volte ho sentito davvero che questo non sarebbe mai finito. Quello era quello!

Avanzamento veloce di qualche anno – 2 anni e quasi 4 mesi dopo la frattura, ho finito il mio primo triathlon a lunga distanza, e un anno dopo il secondo.

A causa di questo incidente, mi sono addentrato ancora di più nella nutrizione, nel processo di recupero, ho imparato l’importanza della dieta e della mentalità, ho raccolto gli strumenti e sviluppato i sistemi che ora aiutano gli altri con lesioni e problemi di salute.

Qual è stato il momento in cui ti sei reso conto che volevi diventare vegano?

Sono diventato vegetariano quando avevo 15 anni – non volevo che nessuno soffrisse per i miei pasti. Non sapevo che l’industria lattiero-casearia è crudele come l’industria della carne e mi ci sono voluti altri 12, 13 anni per rendermene conto.

Sono un dottore in medicina veterinaria per grado, quindi ho visto molte cose orribili di cui le persone parlano solo con i miei occhi. I più terrificanti erano sicuramente i macelli e il processo di uccisione degli animali. All’epoca ero ancora vegetariano e nemmeno una volta mi venne in mente che le mie scelte alimentari contribuirono anche a questi eventi.

Alcuni anni dopo ho visto la conferenza di Gary Yourofsky e pochi giorni dopo il documentario Earthlings. Quella fu l’ultima goccia e non potei tornare indietro per me. Sono stato vegano da allora.

Da quanto tempo sei vegano?

Sono stato vegano negli ultimi 6 anni, dal 2011.

Perché essere vegani è importante per te?

Per me, è un gioco da ragazzi. La mia ragione principale per il passaggio erano gli animali, ma più leggevo, più iniziavo a capire che è una situazione vantaggiosa per tutti e per tutti. Mi prendo cura degli animali, della mia salute e dell’ambiente.

Hai un blog o un blog vegano preferito che leggi?

Ho letto principalmente su argomenti relativi alla salute e gli ultimi studi su come il cibo e la nostra mente influenzano il nostro corpo. Quindi niente blog, ma adoro seguire il lavoro del Dr. Michael Greger, del Dr. Neal Barnard, del Dr. Garth Davis, di Lissa Rankin e altri.

Qualche libro Vegan consigliato?

88 Kitchen Tales è un libro di cucina vegano che io e mio marito Jerry abbiamo pubblicato qualche anno fa – prima in Slovenia, nel nostro paese e 2 anni fa, l’abbiamo tradotto in inglese ed è ora disponibile anche su Amazon.

Nota: 88 Kitchen Tales non è il solito libro di cucina. Se stai cercando un libro di cucina normale con ricette senza molta personalità, non ti piacerà. Te lo prometto! Ma se pensi che cucinare possa essere divertente e se ti piace leggere storie e sei interessato a quello che stava succedendo nella nostra cucina quando stavamo facendo questo libro di cucina, allora bingo, hai appena trovato il tuo nuovo preferito!

Qualche sito sociale consigliato, gruppi di Facebook o altro?

Ci sono molti grandi gruppi su Facebook. Questi sono principalmente incentrati sull’aspetto salutare dell’alimentazione a base vegetale:
– PlantPure
– Amici di McDougall
– Love Chard Community
– Come non morire – Dr. Michael Greger

Hai un film o video preferiti o i tuoi media che vuoi condividere?

L’ultima goccia per me è stata il documentario “Earthlings”, ma è un orologio difficile dal momento che non c’è rivestimento di zucchero. Adoro ″ Cowspiracy ″ e non vedo l’ora che arrivi il loro prossimo documentario ″ What The Health ″ che uscirà quest’anno.

Promuovi attivamente il veganismo? Come? Per favore, condividi le storie che desideri.

Lo promuovo attraverso il mio lavoro. Scrivo articoli, libri, istruisco le persone uno a uno o attraverso diversi corsi, supportando mio marito con il suo podcast basato sulle piante: The Plant-Based Entrepreneur Show ecc.

Ti manca qualche alimento non vegano?

No, mai. Sono diventato vegano da un giorno all’altro e non ho mai avuto alcun tipo di desiderio – potrebbe essere la mia natura testarda e una volta deciso di fare qualcosa è definitivo.

Qual è la tua ricetta preferita? Per favore, condividilo.

Adoro il Chilli Con Lenticchie dal nostro ricettario 88 Kitchen Tales.

Questo è stato preparato per caso mentre cercavo nuovi ripieni per le nostre tortillas (pagina 42). Eravamo entrambi un po ‘preoccupati per il risultato: uno pensava che fossero necessari più fiocchi di peperoncino per ottenere quell’autentico sapore messicano, mentre l’altro temeva che le sue papille gustative non fossero in grado di gestire la quantità di peperoncino che era già entrata. Fortunatamente, il piatto si è rivelato così incredibile che avremmo potuto mangiarlo da solo e nemmeno disturbato dalle tortillas.

Ingredienti (1 porzione grande):

• 1 tazza di lenticchie (imbevute durante la notte)
• 2 cipollotti
• 1 spicchio d’aglio
• 1 manciata di pomodori secchi
• 1 tazza di salsa di pomodoro
• fiocchi di peperoncino
• ultima carota dal frigorifero
• 1 cucchiaio di cocco o olio d’oliva

Immergi le lenticchie per almeno 8 ore e risciacqua / scola bene prima della cottura. Tritare finemente le cipolle e l’aglio e rosolarle nell’olio sulla fiamma più bassa per circa 10 minuti. Una volta che diventano vitrei (non dovrebbero diventare marroni se stai cucinando al minimo), aggiungi i pomodori a fette essiccati al sole. Cuocere per un minuto o tre, quindi aggiungere la carota tritata appena estratta dal frigorifero.
Aggiungi le lenticchie dopo circa 2 minuti e rabbocca con la salsa di pomodoro: 3⁄4 di tazza se stai preparando un peperoncino denso per farcire le tortillas o fino a 11⁄2 tazza se hai intenzione di mangiarlo da solo.

Oh, e non dimenticare i fiocchi di peperoncino – aggiungili poco prima della salsa. Mezzo cucchiaino da tè per rendere il piatto solo moderatamente caldo, o più, aggiunto prima se stai andando per un gusto fiammeggiante. Assicurati solo che sia appetibile per tutti. Copri la pentola, attendi fino a quando il contenuto non gorgoglia, quindi mescola di tanto in tanto ogni tanto e controlla le lenticchie. Una volta che sembra abbastanza morbido (questo può richiedere da 15 a 60 minuti), il tuo peperoncino è pronto. ″

Sei un vegano senza crudeltà?

Sì!

Qual è il tuo stereotipo vegano preferito? Se qualcuno ti fa una domanda al riguardo, come rispondi?

Scelgo saggiamente le mie battaglie e non rispondo ad ogni singola cosa che la gente mi chiede. Alcuni sono solo provocatori e non mi impegno e spendo più la mia energia su di loro. Ma quelli che sono sinceramente interessati all’argomento, discutiamo di cose e spesso le chiedo di nuovo ″ Perché lo pensi? Dove l’hai sentito? Pensi che sia vero? ″ E simili. È meglio quando le persone arrivano al fondo delle cose da sole.

Alcune parole incoraggianti per i nuovi vegani?

Diventa più facile più a lungo lo fai. Basta non perdere di vista il quadro generale e sapere che sei pronto per il lungo raggio – dopo tutto, siamo dalla parte giusta della storia.

Cattura molti altri Vegani ispiratori su www.inspirationalsouls.com