Caro giovane sé

“Smetti di essere così duro con te stesso, ragazzo.”

Questo è il primo consiglio fondamentale che direi al mio io più giovane se potessi parlargli direttamente oggi.

Ora, a 26 anni, sono ben lungi da ciò che considererei un esperto in questo gioco che chiamiamo vita.

Mi trovo ancora a correre senza indizi su cosa sto facendo ma fingendo di farlo. (Ecco di cosa tratta i tuoi anni ’20 … giusto?)

Anche se faccio ancora molti errori, sono molto più bravo a imparare da loro e mi ritrovo a maturare dopo ognuno.

Tanto che i miei amici stanno davvero iniziando a chiedere a ME consigli sulla vita – HA.

Non sanno …

Tuttavia, sapendo quello che so ora, c’è molto che vorrei dire al mio io più giovane … Molto

Tutte quelle volte che ho dubitato di me stesso, ho lottato per trovare le risposte, ho messo in dubbio il mio essere; Vorrei poter essere stato lì per dare un po ‘di senso a me più giovane.

Sei ancora con me?

Se stai ancora leggendo questo, allora probabilmente annuisci con la testa d’accordo. Ridere di quanto eri ingenuo una volta e di quanto sei arrivato lontano.

In caso contrario, probabilmente stai ancora leggendo perché vuoi vedere quali consigli sto per dare a me più giovane.

Ad ogni modo, ho imparato alcune lezioni di vita critiche che mi hanno permesso di crescere e vivere la mia vita migliore.

Qui ci sono solo alcuni…

La nostra linea temporale è tutto ciò che conta

È così facile, soprattutto nell’era dei social media, rimanere coinvolti in ciò che fanno gli altri.

Il tuo amico è entrato in un’università migliore di te, il tuo compagno di classe è arrivato a quel grande stage estivo, hai appena visto che il tuo vecchio compagno di stanza del college ha acquistato la sua prima casa tramite Instagram.

Abbiamo questa innata risposta per confrontarci con gli altri intorno a noi e può essere molto dannoso.

Puoi cadere rapidamente in questo imbuto di insicurezza che ti fa sentire impotente e mettere in discussione le scelte che hai fatto nella vita.

Oh, giovane Andrew, lascia che ti dica una cosa:

Man mano che la tua vita si esaurisce, farai grandi cose. Viaggerai per il mondo, realizzerai il lavoro dei tuoi sogni, otterrai il tuo primo appartamento e troverai la ragazza dei tuoi sogni.

E indovina cosa?

Lo avrai fatto a tuo tempo e alle tue condizioni.

Abbraccia la tua cronologia, prometto che succederanno cose buone.

Il feedback è il tuo migliore amico

Mi ci è voluto molto tempo per abbracciare questa idea, ma il feedback è il dono più prezioso che potresti mai ricevere.

In passato, qualsiasi feedback negativo mi ha rallentato. Che si trattasse di un saggio all’università, del modo in cui stavo facendo qualcosa al lavoro o di un’idea che pensavo fosse eccezionale, solo per sentirmi dire di tornare al tavolo da disegno.

Questo tipo di feedback mi farebbe immediatamente chiudere, paralizzare qualsiasi motivazione e farmi mettere in discussione qualsiasi talento che pensavo di avere.

Giovane Andrew, quello che posso dirti è questo:

Il giorno in cui hai deciso di vedere il feedback come una preziosa opportunità di apprendimento, piuttosto che un colpo alla tua stessa esistenza, è stato il giorno in cui hai iniziato a avere successo nella vita.

Abbracciare il feedback e capitalizzare sulle sue lezioni ti ha guidato verso tutto ciò che hai sempre desiderato.

Ti ha permesso di sviluppare i tuoi talenti piuttosto che metterli in discussione e ti ha permesso di raggiungere obiettivi che non avresti mai pensato possibili.

Il feedback sarà il tuo migliore amico, quindi smetti di trattarlo come un nemico.

Volere qualcosa? Chiedi

Sono rabbrividito pensando a tutte le opportunità mancate nella mia vita semplicemente perché avevo troppa paura o esitazione per chiedere qualcosa.

La paura del rifiuto, quell’imbarazzo di una richiesta rifiutata, spesso ci ostacola nel chiedere qualcosa che vogliamo.

Giochiamo a questo scenario nella nostra testa del risultato peggiore possibile, abbattendoci prima che chiunque altro possa farlo.

Ma ecco la realtà di chiedere qualcosa che vuoi:

Scenario nel migliore dei casi – ottieni quello che hai chiesto.

Scenario peggiore : ti viene detto di no e non stai peggio di prima. Potresti sentirti un po ‘imbarazzato, certo, ma non hai perso nulla.

Così giovane Andrew, lascia che ti dica una cosa:

Alla fine, hai deciso che il mondo non ti doveva nulla e chiedevi le cose che volevi.

Buone notizie … che rilancio che hai chiesto, ce l’hai. Quella promozione che hai chiesto, ce l’hai. Il primo appuntamento che volevi con quella bella ragazza, ce l’hai fatta.

Il punto è questo: non c’era nulla di cui aver paura dopo tutto. Hai iniziato a chiedere le cose che volevi nella vita e le hai ricevute.

Anche se questo potrebbe non essere sempre il caso, ricorda: se non chiedi ciò che desideri, potresti non ottenerlo mai.

Se vuoi qualcosa, falla conoscere e osserva la magia accadere.

Esci dalla tua zona di comfort … Spesso

Ultimo, ma non per importanza.

Quella zona di comfort che sembra così sicura, lasciala. Lascialo spesso

Questo è di gran lunga il consiglio più importante che darei a me più giovane.

Perchè lo chiedi?

Perché è stato solo quando ho iniziato ad adottare questa mentalità che la mia vita è sostanzialmente migliorata.

Per molti di noi, abbiamo sogni, passioni e interessi che vogliamo perseguire; viaggiare in quel paese straniero, immergersi in una nuova cultura, accettare quel lavoro per il quale si sa di non essere assolutamente qualificato.

Il pensiero di queste cose sembra allettante, ma in realtà lo fa? Non c’è modo. Troppo rischioso.

Ma lascia che ti dica una cosa: la paura ha un prezzo elevato e se lasciamo che la paura controlli le nostre vite, non raggiungeremo mai il nostro pieno potenziale.

Quindi ecco un’ultima cosa che ti dirò, giovane Andrew:

Lascia andare le tue paure, ti stanno solo trattenendo.

La tua vita inizia il giorno in cui accetti che ciò sia vero.

Essere a disagio e uscire dalla tua zona di comfort ti spingerà a raggiungere i tuoi obiettivi più ricercati e, soprattutto, ti consentirà di raggiungere il tuo pieno potenziale.

Viaggerai per il mondo, lavorerai in un altro paese e finirai nella carriera in cui eri destinato.

Tutto questo perché non hai avuto paura di dire di sì, di provarci. Per uscire da quella zona di comfort che hai tenuto così stretto per così tanto tempo.

Il meglio deve ancora venire

Così giovane Andrew, spero che tu prenda questo consiglio e lo applichi alla tua vita (ho la sensazione che lo farai).

Perché una volta che lo fai, è allora che inizierai a raccogliere i più grandi premi della vita.

… Mi chiedo cosa vorrò dirmi tra 10 anni? 😉

Grazie per aver letto 🙂

Commenta di seguito con tutti i consigli che potresti dare al tuo io più giovane o a chiunque altro per quello che potrebbe aver bisogno di un po ‘di motivazione nella loro vita.