le stelle di notte sono grandi e luminose …

questo non è il post in cui mi trovo su una soapbox su come non devi davvero vivere nella Silicon Valley perché è costoso, terribile o schifoso. in effetti, ho incontrato così tante persone fantastiche e ho imparato parecchie cose vivendo nel centro di “DISRUPTION”.

no, si tratta più delle aspettative e dell’apprendimento applicato. Ho gestito la gamma in tecnologia negli ultimi 15 anni: comunità, marketing, giornalismo, comunicazioni, ecc. Ho visto molte cose su molte cose da diverse prospettive. sono tornato a Philadelphia perché è lì che è il mio cuore, ma c’è una parte di me che resterà sempre in un bar del SOMA a chiacchierare di “cosa c’è dopo”.

comunque, sono qui per esortarti a ripensare la tua idea di successo e fallimento. per molto tempo il credo SV è stato quello di “fallire velocemente” e questo mi ha sempre infastidito. infatti, quando ero un giornalista, ho chiesto a tonnellate di dirigenti davvero intelligenti di definire semplicemente “fallimento” e “successo”. Di solito vengo immediatamente assente. la mia domanda di follow-up è sempre stata, se non riesci a definire il fallimento, come puoi definire il successo (e viceversa)? certo, sappiamo quando le cose vanno bene con le aziende e quando non lo sono, ma non è così in bianco e nero.

mi sono unito a scaleworks perché hanno risposto a un’altra domanda che ho sempre avuto: “cosa succede se la tua azienda guadagna, ma il prodotto diventa stantio e potresti voler semplicemente andare avanti ma non chiuderlo.” il cimitero di avvio è vasto, ma lo fa deve essere? probabilmente no. ma l’ego / la vergogna a volte si frappongono. “Fail fast” si è trasformato nel significato di “oh merda, ho solo XYZ rimasto in banca e sto avendo problemi a raccogliere di più, quelle aziende che erano interessate ad acquisire il mio team e la mia tecnologia hanno fatto marcia indietro, quindi eseguiamo questo bambino nel terreno se dobbiamo. ”

è fastidioso. e inutili (voglio dire, hai grandi impiegati che hanno acquistato la tua visione!). un “miliardo di utenti o busto” non è solo il modo di vivere la tua vita come leader aziendale. dai un’occhiata a jeff bezos nel 1997, entusiasta della consegna dei libri. sono sicuro che ha avuto 30 “oh merda” momenti al mese in cui non stava andando come previsto. la pazienza ha vinto.

immagino che il mio unico consiglio per la giornata sia … lavorare sodo, ma anche lasciarti vivere. e iniziare a pensare a definizioni realistiche di “successo” e “fallimento”, e non solo nel mondo degli affari.

la prospettiva è la chiave. non cercare di essere una rockstar, cerca di capire chi sei, cosa vuoi, e poi resta il più fedele possibile.

mio padre mi diceva sempre: “ricorda, domani non è mai stato promesso” e “non puoi portarlo con te”. È importante. soprattutto quando ci troviamo di fronte alle avversità.

Rip, signore.

disse anche “non mangiare la neve gialla”. Sapeva cosa stava succedendo.