Come posso diventare un devoto ISKCON?

ISKCON è il dono di Srila Prabhupada per il mondo moderno. Basato sugli insegnamenti di Chaitanya Mahaprabhu, è aperto a tutti indipendentemente dalla casta, dalla nazionalità, dal genere o dalla religione. Leggendo la vita di Prabhupada, sei colpito dalla devozione senza pari e dal duro lavoro che è stato fatto per stabilire un movimento mondiale in un’età in cui la maggior parte delle persone è in pensione comodamente – 70 anni. Credere nell’ideologia è una scelta personale, la pura determinazione è ammirevole.

Anche cantare il Mahamantra “Hare Krishna” 16 volte al giorno ti rende un devoto ISKCON grihastha (capofamiglia). Tuttavia, se vuoi diventare un iniziato, contatta le persone dell’ISKCON che gestiscono programmi vicino a te o al loro tempio in qualunque città tu risieda. Ho visto Prabhus (iniziati devoti) nelle lezioni di Bhagavatam, nei sankirtan e in altre attività associate gradualmente diventando completamente rinunciato. Quindi, se pensi che questo sia il percorso, avvicinati a una persona adatta. L’intelligenza conta sempre nel discernere se l’individuo è autentico o no.

Prabhupada diceva sempre che sarebbe sopravvissuto nei suoi libri. Leggere le sue opere colossali è di per sé una grande introduzione alla coscienza di Krishna. Per finire, vorrei citare Madhavendra Puri, precettore e predecessore di Chaitanya che spiega il loro percorso di devozione più di 500 anni fa.

“Lascia che i forti moralisti mi accusino di essere illuso; Non mi dispiace. Gli esperti delle attività vediche possono calunniarmi perché sono fuorviato, amici e parenti possono definirmi frustrato, i miei fratelli possono definirmi un pazzo, i ricchi mammoniti possono farmi notare come matto, e i dotti filosofi possono affermare che sono troppo orgoglioso; tuttavia la mia mente non si muove di un centimetro dalla determinazione a servire i piedi di loto di Govinda, anche se potrei non essere in grado di farlo.

Prabhupada stabilì l’ISKCON principalmente per diffondere il messaggio di Krishna e Chaitanya in ogni angolo del mondo, offrendo soluzioni a complesse crisi di guerra, fame, immoralità, criminalità, che erano tutte considerate sintomi di mancanza di Dio.

Lo scopo principale dell’ISKCON è l’esperienza spirituale senza pari della coscienza di Krishna, ma sono stati attivamente coinvolti in attività “caritatevoli” (normale senso materiale) sin dall’inizio nei templi di tutto il mondo. Gli esempi includono: la fondazione Akshay Patra e “Food for Life”, ecc. In India, oltre a simili generose iniziative in tutto il mondo. Se ritieni che il contributo in larga misura con un coinvolgimento su vasta scala sia migliore, il prabhus ISKCON locale sarà sicuramente di aiuto.