Quando gli algoritmi diventano influenzatori

Con la settimana della moda alle porte, ci viene in mente la potente sfera di influenza nel mondo della moda.

Il gusto è attualmente distribuito dall’alto, come esemplificato questa settimana dal modo in cui l’industria attende con fiato sospeso per vedere cosa mostreranno i migliori designer. Da lì, leader della moda veloce come Zara e H&M sono pronti a portare rapidamente le tendenze dei designer alle masse. Alla fine, i nostri feed Instagram sono inondati di immagini dei nostri influenzatori preferiti in stili che anche noi possiamo possedere.

Un gruppo d’élite – e umano – funziona ancora come i principali responsabili del gusto. Per adesso.

Inserisci AI. Nessuna industria è immune dal ruolo che svolgerà – anche le industrie dominate dalla creatività e da un ruolo visivo, personale e intangibile di “buon gusto” o “cool”. Non c’è dubbio che l’IA avrà un impatto drammatico sul settore e cambierà chi, o cosa , diventeranno i buongustai di domani.

Stitch Fix ed Echo Look come i nuovi influenzatori

I consumatori si sono affidati a Stitch Fix e ad altri servizi di abbonamento basati sui dati a un ritmo scioccante. Stitch Fix ha iniziato a raccogliere dati con un semplice modulo SurveyMonkey nel 2011. Ora ha uno degli algoritmi più robusti del settore ed è valutato a quasi $ 3 miliardi. L’accettazione da parte della società di Stitch Fix per farci apparire alla moda utilizzando dati intelligenti è abbastanza notevole.

“Matchmaker” è il ruolo che Stitch Fix afferma di avere nella vita delle persone. Il servizio non crea nuove tendenze, abbina le persone con loro. Ma quando la raccomandazione si trasforma in cura e poi, infine, in creazione ? Non commettere errori, gli Matchmaker di oggi diventeranno i Tastemakers del futuro.

Stitch Fix è trasparente su come i marchi entrano a far parte della sua gamma di inventario raccomandato. I marchi interessati devono sottoporsi a un processo di applicazione che consideri gli stili, il prezzo e molti altri punti dati come parte dell’algoritmo. Ma cosa succederebbe se i marchi potessero unirsi ad altri marchi ospitati nel magazzino Stitch Fix per diventare una raccomandazione congiunta e unirsi per creare un look davvero unico – al punto in cui un consumatore non acquisterebbe uno senza l’altro?

Cosa succede se i marchi iniziano a collaborare con Stitch Fix come co-creatore e sfruttano i dati relativi ai tipi di corpo e agli interessi degli abbonati per creare una linea co-brand? Immagina se Levi’s potesse attingere ai dati sul denim di Stitch Fix e creare una linea di jeans personalizzata che consideri la migliore vestibilità, lavaggi e abbinamenti? O se un marchio di bellezza ha collaborato con Stitch Fix per creare scatole personalizzate “look” per le vacanze, complete di moda curata e look di bellezza con nuovi colori delle labbra o prodotti per capelli per le vacanze?

I nuovi arrivati ​​su questo mercato, come Echo Look di Amazon, includono algoritmi visivamente guidati che sono pronti a portare l’IA nella moda ancora di più. L’Echo Look attualmente funge da “sorter armadio” o persino una piattaforma di “seconda opinione” per i consumatori, come se chiedesse consigli a uno stile di fiducia a un amico fidato e alla moda. Data la rapida adozione di Alexa nelle case degli Stati Uniti, è probabile che questa nuova forma di Influencer della moda svolgerà un ruolo importante nel vestire i consumatori, uno che è difficile persino capire in questo momento.

Ci sono grandi opportunità per i marchi di diventare creativi con questo nuovo AI Influencer che aiuta a fornire consigli di stile personalizzati. Immagina se i marchi dovessero creare una “vibrazione” stilizzata per loro stessi e collaborare con Echo Look per formulare raccomandazioni di marca. Improvvisamente i marchi non di moda possono svolgere un ruolo qui. Ad esempio, se Longbranch Bourbon di Wild Turkey collaborasse con Echo Look per caratterizzare gli stili che emulavano il loro ultimo getto, Amazon potrebbe selezionare stili raffinati per i consumatori descrivendo il loro aspetto desiderato come “rustico” o “complesso”. Questo esempio potrebbe aumentare l’associazione del marchio per Longbranch, fornendo al contempo look unici per il consumatore utilizzando articoli di abbigliamento dal loro armadio e abbinandoli con gli articoli su Amazon – un’esperienza che i consumatori non avrebbero altrimenti.

I marchi devono iniziare a corteggiare gli strumenti AI come futuri influenzatori

Le possibilità di questo tipo di partnership sono limitate solo dalla creatività di designer di marchi, strateghi e data scientist. La capacità dei marchi di analizzare e iterare i progetti dei prodotti prima e persino durante i cicli di vita dei negozi sta creando una relazione preventiva e predittiva tra aziende e clienti.

Il nostro settore deve diventare più agile, tempestivo e personalizzato con campagne e posizionamenti creativi per adattarsi alla dinamica sempre più simbiotica e basata sui dati tra marchio e consumatore. Utilizziamo Stitch Fix e Echo Look solo come esempi; senza dubbio in futuro arriveranno più servizi di intelligenza artificiale e i marchi devono essere pronti a sfruttare la loro potente influenza.

Altre informazioni su come Heat stia usando intuizioni sorprendenti per alimentare la creazione di contenuti, il targeting contestuale e SEO / SEM.


Di Zoe Dunnington (Senior Investment Strategist), Heat