[stile di vita] Vivi felicemente – Prendi 1

“Lezioni apprese” sembra un titolo abbastanza pretenzioso per una serie di post, ma in realtà è di questo che si tratta. La vita è fatta di esperienze: cose vecchie che amiamo, cose vecchie che odiamo e tutte le sfumature di nuove esperienze.

Imparare facendo è un brusco esercizio di spremere ciò che la vita ci lancia e ricavarne più succo possibile.

Lascia emergere ciò che ti rende felice

Svegliarsi ogni mattina può essere un’esperienza piacevole o un incubo, ma è comunque un dono quotidiano che dovresti fare tesoro.

Non sto insinuando che dovremmo vivere tutti come in una fiaba; le persone hanno problemi e cose che li fanno arrabbiare, ed è semplicemente così. Costruire per se stessi una vita più felice inizia con il rendere la giornata un po ‘più eccitante e gratificante.

Per dare una spinta alla tua giornata, devi lasciare che ciò che ti rende felice emerga dal flusso delle cose che devi fare, o dovresti fare.

Ogni mattina, o almeno il più spesso possibile, cerca di trovare una cosa piccola e semplice che ti renda felice.

Questo dovrebbe essere qualcosa che non vedi l’ora e non devi cambiare il gioco.

Potresti non vedere l’ora di vedere una nuova serie o un film. Potresti desiderare di mangiare una pizza o comprarti un nuovo libro.

Più piccolo è il bersaglio, più sarà facile trovarne uno quotidiano; e in generale, più economico, meglio è. Quando miri a qualcosa di costoso, rischi di controbilanciare la felice sensazione di avere una nuova auto di lusso con la percezione di aver investito molti soldi; e questo può causare ansia indesiderata.

Ora che hai la tua “cosa felice”, tienila il più vicino possibile. Durante la giornata, ogni tanto, riportalo alla memoria e cerca di assorbire alcune vibrazioni positive.

Questo tipo di esercizio può essere inizialmente difficile e, anche con molta pratica, a volte può essere impossibile. Non fatevi prendere dal panico. Ti è perfettamente permesso di non avere la tua cosa felice o anche di essere triste di tanto in tanto; fa parte della complessità della vita e difficilmente avrai il coraggio di combatterla. Questo ci porta al passo successivo.

Combatti battaglie che puoi combattere, non solo quelle che puoi vincere

Scommetto che molte persone differiranno su questo, ma intendo. Quindi cercherò di esprimere il mio punto. La vita ti offre molte opportunità per dimostrarti giusta o sbagliata, e ognuna di queste è, in una certa misura, una lotta. Una parte di ciò che rende la vita impressionante è che puoi scegliere quali battaglie intraprendere e quelle da saltare o rimandare; puoi davvero.

Combattere battaglie già vinte o semplici può sembrare gratificante, ma alla fine può portare a una falsa fiducia. Combattere battaglie che potresti perdere e che sai che in anticipo potrebbero non essere vinte è una ricetta migliore per imparare le lezioni da un successo, da uno guadagnato in questo caso o da un fallimento.

Randy Pausch era solito dire: “Non possiamo cambiare le carte che ci vengono distribuite, proprio come giochiamo la mano” o, in questo caso, scegliere le battaglie da combattere.

Dai uno scopo

Cercare di avere un obiettivo, anche il più piccolo, per la tua giornata e per quello che fai con il tuo tempo è la chiave per sentirti ricompensato e felice. La vita di tutti è più intensa di giorno in giorno, ma dovresti fare uno sforzo per trovare uno scopo per ogni giorno. Questo esercizio ha due valori: il primo è quello di passare brevemente la giornata e fare una sorta di breve riepilogo di esso, e il secondo è quello di identificare uno o più momenti critici che potrebbero farti sentire felice e soddisfatto.

Dare uno scopo può significare: cambiare qualcosa nella tua routine quotidiana, chiedere un aumento, acquistare il numero mensile del tuo fumetto o rivista preferito, andare a correre, aiutare qualcuno al lavoro, chiamare tua madre o tuo padre o tua sorella e ascoltare ciò che lui o lei vuole condividere con te, dare in beneficenza, o pubblicare o scrivere un articolo interessante su LinkedIn.

Alla fine della giornata, ricorda sempre quale scopo o quali obiettivi hai impostato e dedica 30 secondi per assaporare ciò che hai fatto con loro.