Fine settimana di allenamento a sei piedi

Quasi tutti i corridori australiani che hanno mai fatto una maratona sono a conoscenza del Six Foot Track. Percorrendo 45 km con un fiume che attraversa due salite molto bestiali dallo storico Explorer’s Tree in cima a Nellie’s Glen attraverso le splendide foreste di eucalipti delle Blue Mountains fino alle Grotte di Jenolan, Six Foot è probabilmente l’unica maratona su pista che la maggior parte dei corridori di Sydney proveranno a fare almeno una volta nella vita.

Con la popolarità della gara ormai così alta che gli slot di accesso 850 si esauriscono letteralmente in pochi minuti, per la prima volta nel 2017 – la 33a corsa della gara – l’ingresso è stato trasformato in un sistema di lotteria. Ciò significa che le posizioni di partenza non sono state assegnate solo a coloro che hanno già fatto la gara più volte o che sono stati in grado di essere alla tastiera e pronti a partire mentre il tempo passava alle 9 di mattina una mattina arbitraria.

L’allenatore del campo di allenamento e l’olimpionico Ben St Lawrence, andando più veloce di tutti noi nel fine settimana.

Come partner ufficiale delle scarpe da corsa per Six Foot Track, è stato fantastico essere attivamente coinvolto nel campo di allenamento ufficiale durante il fine settimana. Il gruppo dirigente comprendeva l’atleta New Balance e l’olimpionico Ben St. Lawrence , il collega allenatore Run Crew Dave Byrne , l’atleta HOKA ONE ONE Jess Baker , il vincitore del 2016 Tom Do Canto e me stesso.

Sulla base della sua esperienza degli anni precedenti, Ben ha organizzato un programma che prevedeva conoscenze, discussioni rilassate e uno sforzo moderato il sabato, con un focus su una lunga corsa della domenica nella parte posteriore del corso.

Con sede in una delle sale conferenze della storica Jenolan Caves House, il gruppo di 20 corridori si è presentato ciascuno e le sue aspirazioni per l’evento. Questi andavano letteralmente dal voler imparare alcune tecniche base di trail running e semplicemente finire questa audace gara di 45 km a marzo, a voler attaccare la loro bandiera sul podio il giorno della gara.

Six Foot Track Training Group 2017 di fronte alla storica Jenolan Caves House

L’allenatore e il precedente vincitore del Six Foot Dave Byrne ha analizzato in dettaglio il profilo del percorso, suddividendo la gara in sezioni per il gruppo in quella che è stata una delle presentazioni più preziose del fine settimana. Il gruppo dirigente ha anche parlato di più sulle strategie di trail running e endurance in generale, poiché Dave ha evidenziato le parti del percorso in cui le persone molto probabilmente si farebbero un male se non avessero la mentalità giusta, o addirittura buttassero via la corsa con 40 km ancora andare.

Oltre ad essere uno dei migliori giovani corridori del paese, il prossimo presentatore Tom Do Canto è anche un podologo eccezionalmente ben apprezzato e rispettato, basato sulla pratica Walker Street di successo a North Sydney . Ha rapidamente guidato il gruppo attraverso una serie di esercizi di forza funzionale e mobilità per i corridori che vogliono ottenere il meglio dai loro piedi e fianchi.

Con Tailwind Nutrition Australia come bevanda sportiva ufficiale per il giorno della gara, abbiamo quindi rapidamente presentato le nostre ragioni per utilizzare questo particolare carb-elettrolita sportivo nelle corse lunghe, ovvero digeribilità, affidabilità e semplicità.

La prossima è stata l’occasione per presentare HOKA al gruppo e spiegare i 3 motivi principali per cui le nostre scarpe sono perfette per tutti i livelli di corsa: la riduzione dell’impatto attraverso schiume superleggenti, piattaforme oversize con culle profonde per una stabilità intrinseca e movimento efficiente attraverso un rocker ingegnerizzato strategicamente profili accoppiati a differenziali con tallone basso.

Se stai facendo una lunga gara di trail o una gara di trail con incroci d’acqua che garantiscono che le tue scarpe si bagnino, questa – in breve – è il riassunto su cui le scarpe da trail HOKA 2017 si adatteranno meglio a te. Il gruppo ha chiesto questo, quindi speriamo che sia utile per gli altri corridori là fuori.

Ginger Runner parla di Speed ​​Instinct

Speed ​​Instinct : caduta da 3 mm, una scarpa agile che si blocca sul piede più di qualsiasi altra HOKA, con un tallone strategicamente morbido per la discesa e un ferro di cavallo più solido attorno all’avampiede per un’arrampicata reattiva. Perfetto per il corridore che desidera un po ‘di cuscino ma non l’intero marshmellow.

Presentazione di Challenger 3 ATR

Challenger 3 : l’adattamento da pista della nostra scarpa da strada più popolare, la Clifton. Nel 2017, questa scarpa vincerà premi. Una calzata più ampia e una forma del piede migliore rispetto al modello precedente, con una tomaia più morbida ma più resistente all’abrasione, una guida più fluida e più stabile, nonché un rimbalzo più elevato e una maggiore durata, oltre a un ottimo spargimento di acqua ne fanno un’ottima opzione.

Clayton : questa è una scarpa da strada superleggera premiata e veloce, ma la suola RMAT significa che, oltre a una guida veloce, questi acceleratori più ampi si adattano perfettamente al terreno bagnato e misto. Utilizzando la piattaforma Pro2Lite, sono ammortizzati per una discesa veloce e più reattivi per le lunghe distanze in salita. Inoltre, drenano molto rapidamente e offrono un’ottima alternativa per i corridori della strada che fanno un po ‘di corse su pista antincendio e scaricano pista singola.

Speedster Sage Canaday parla di Speedgoat

Speedgoat – con eredità europea, la prima versione di Speedgoat ha una calzata che si trova sul lato stretto dello standard, ma questa scarpa è stata anche un grande successo per la maggior parte dei corridori che li indossano testati nel campo di allenamento, con alcuni che hanno messo più di 40 km nelle scarpe nuove di zecca durante il fine settimana e amandole. I punti salienti di Speedgoat su Six Foot Track sono stati l’ammortizzazione più leggera, la suola Vibram Megagrip che ispira fiducia e la velocità con cui queste scarpe si sono svuotate con la tomaia in mesh altamente traspirante. È una scarpa antiscivolo che ama la roccia ripida bagnata tanto quanto ama lo sporco impaccato, argilla profonda e fango.

Trazione follemente come-at-me-bro su Mafate Speed ​​2

Mafate Speed ​​2 : arriveranno presto in Australia per la prima volta. I vantaggi principali sono la protezione ultraleggera per la resistenza industriale per i corridori più pesanti o più lunghi, la resistenza alla pronazione per i corridori che collassano medialmente quando iniziano ad affaticarsi, un puntale profondo e spazioso con una vestibilità relativamente ampia e una suola Vibram profonda e aderente che gestirà tutti i terreni, bagnato, asciutto o ripido.

Stinson 3 ATR – perché vuoi tutto l’aiuto possibile. Ciò che manca allo Stinson nel drenaggio rapido e nella traspirabilità, compensa la totale resistenza alle bombe e fornisce il più grande pezzo di schiuma a rotazione più rapida di sempre. Mai.

Per il tardo pomeriggio, siamo usciti e siamo tornati alla discesa nelle Grotte di Jenolan. Mentre la salita è stata un po ‘intimidatoria, la discesa di ritorno è stata sorprendentemente acuta per i corridori che non erano mai stati prima in questa parte posteriore del percorso. Un corridore, Alya, che in precedenza aveva ritenuto che la discesa fosse la sua debolezza, si è sincronizzato perfettamente con il rollio della pista e si è aggiudicata una vittoria nel segmento STRAVA.

Da R a Dave Byrne, Jess Baker e Ben St Lawrence

La cena è stata un delizioso buffet di insalate fresche, pasta, carni appena arrostite e dessert sani … Cheesecake è salutare, giusto? Poi furono bevute e il gruppo parlò fino a sera. Ben St Lawrence aveva ritenuto che la conversazione e ambienti rilassati come questo fossero la chiave per il trasferimento di conoscenze ed esperienze, poiché questo era ciò che lui stesso aveva visto accadere nei campi precedenti di cui aveva fatto parte. E aveva ragione. I corridori che erano venuti in questo fine settimana come autoproclamati novizi della pista si stavano già illuminando parlando della giornata come se la loro prima corsa sulla discesa più nobile su Six Foot avesse già messo a tacere molte delle loro paure.

La sofferenza è reale.

Abbiamo anche avuto Ben per raccontarci le sue esperienze a Rio e in India, gareggiando per l’Australia contro i migliori atleti da 10.000 metri del mondo, e il giorno in cui ha corso l’Australian Record, un 27.24.95 blister con una divisione negativa.

Ho sentito che i corridori dicono che a loro non piacciono i gruppi di allenamento e gli allenatori a causa del senso di elitismo che provano quando partecipano. Ma uno dei protagonisti di tutti gli allenatori – vincitori, detentori del record, persino di Olympian – è stato un clima di assoluta umiltà, passione per la sfida e un vero senso di cura per tutti coloro che affrontano questa audace sfida. In ogni caso, Ben, Dave, Tom e Jess dovevano essere spinti a parlare dei loro successi e quando lo facevano era in modo pragmatico e pratico. I corridori che pensano di essere abbastanza bravi potrebbero imparare molto da questi atleti, sia nell’approccio che nei modi.

Stazione di bevande al vento a lungo termine

Con tutti i viaggiatori e gli ospiti internazionali a Caves House, non è stato del tutto sorprendente, ma è stato molto bello che uno zaino in spalla a caso si sia avvicinato a Ben e abbia detto “Ben St Lawrence? Sei un compagno di leggende ”, specialmente quando Ben e molti dei suoi colleghi di livello olimpico possono camminare per qualsiasi strada in Australia senza essere riconosciuti.

Mantenere quei piedi asciutti!

Il giorno successivo è stato un inizio anticipato a lungo termine. Guidando verso il Black Range Camping Ground, un punto di partenza a circa 12 km dal traguardo, il gruppo partì con obiettivi fissati nel tempo o nella distanza. Il corridore americano, Kevin, ha finito per essere il più lungo con il suo compagno Graham Laws di Terrigal Trotters. Entrambi hanno ottenuto il miglior rapporto qualità-prezzo, correndo vicino a 4 ore e mezza su un terreno inarrestabile e spesso ripido. Gemma, del gruppo Sydney Run Crew, ha intrapreso la corsa più lunga e vicina alla corsa più veloce, eliminando 38 km in poco più di 3:20. Siamo tutti d’accordo sul fatto che sarà una contendente il giorno della gara.

Sempre un altro torrente da attraversare.

Fortemente guadagnato, il pranzo è stato molto apprezzato quando la conversazione si è trasformata in riflessione e giorno della gara. La cosa più evidente che tutti sembravano ottenere dal fine settimana era un senso di fiducia informata e un senso più grande di come avrebbero dovuto prepararsi (e ritmo) per il giorno della gara.

I corridori chiaramente non si divertono

Un grande ringraziamento a John Bowe e David Bray e Sydney Striders per il loro lavoro dietro le quinte nel rendere possibile il fine settimana di allenamento, e come sempre un grido ai volontari del giorno della gara e allo staff super cordiale e disponibile (specialmente Trish) alle Grotte Casa per rendere possibile Six Foot.