Uno per i drogati delle statistiche

Negli ultimi tre anni abbiamo ricevuto molti feedback da molti di voi attraverso i messaggi di Facebook e i commenti di Instagram, ma, dopo essersi dilettato personalmente in un po ‘di scienza, volevo rendere il feedback un po’ più … scientifico. Quindi, poche settimane fa, abbiamo pubblicato un’indagine di mercato.

Volevamo sapere cosa contava per te, perché era importante e come Offcut poteva integrare ciò che desideri nella nostra visione per il futuro. Ad essere onesti, fino ad ora le cose sono state abbastanza ad hoc presso il quartier generale di Offcut – come un bambino che fa i primi passi, abbiamo provato alcune cose diverse e abbiamo avuto un paio di problemi lungo il cammino ma, nel complesso, i progressi sono stati rapidi e fantastico. Ora ci prendiamo un momento per respirare e guardare tutto ciò che facciamo per capire se siamo ancora sulla buona strada o se dobbiamo modificare alcune cose.

“Volevamo sapere cosa contava per te, perché era importante e come Offcut poteva integrare ciò che volevi nella nostra visione.”

Alcune delle grandi domande che abbiamo in mente includono:

  1. Quanto è importante per te il modo di fare affari di Offcut. Roba come: usare tessuti che altrimenti andrebbero in discarica, piantare un albero con ogni cappello venduto, fabbricati in Nuova Zelanda, e la garanzia a vita.
  2. Cosa ne pensi dei cappelli stessi: gli stili, le etichette, il cinturino, il picco.
  3. Se sei interessato a farci ramificare oltre a fare solo cappelli.

E, soprattutto, stiamo morendo dalla voglia di conoscerti! Vogliamo sapere chi sei e cosa fai. Ogni prodotto Offcut è un po ‘come un bambino per noi, quindi è naturale che vogliamo sapere i campioni che stanno andando.

Cosa ne pensi? Immagino che questo sia un bel colpo dal nostro amico Jamie Murcutt.

Siamo rimasti stupiti dalla risposta al nostro sondaggio: 454 di voi hanno impiegato del tempo per rispondere con commenti dettagliati su ciò che stiamo attualmente facendo e cosa dovremmo fare. Ovviamente, tutti i tuoi incredibili feedback hanno significato per noi un discreto numero di scricchiolii, quindi abbiamo trascorso le ultime settimane a esaminare tutto e abbiamo pensato che potresti essere interessato a scoprire cosa ci hai detto.

In termini di quelli di voi che hanno risposto, questo è ciò che ci hai detto:

  1. Sei quasi esattamente diviso equamente tra ragazzi e ragazze
  2. Il 79,2% di voi che ha risposto proveniva dalla Nuova Zelanda, mentre il resto proveniva da Australia, Regno Unito, Stati Uniti, Germania, Canada, Brasile, India, Indonesia, Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Svizzera, Tailandia e Emirati Arabi Uniti.
  3. Le tue leggende ci hanno dato un punteggio netto del promotore di 60, il che significa che la stragrande maggioranza di voi raccomanda attivamente Offcut ad amici e parenti. Grazie mille!

Ecco alcune altre cose che abbiamo scoperto su di te:

  1. Ti piace viaggiare, fare missioni nei fine settimana … e anche rilassarti. Proprio come noi 😉
  2. La metà di voi ha già acquistato un Offcut, e la maggior parte di voi sono fan in attesa che compaia il cappello perfetto.
  3. I tuoi primi tre marchi preferiti sono Patagonia, Huffer e KowTow (grida a quelli di voi che hanno detto Offcut).

Per quanto riguarda i cappelli:

  1. Due terzi di voi preferiscono cinque pannelli rispetto a sei pannelli.
  2. Circa il 60% preferisce le etichette in pelle e circa lo stesso numero di cinturini in pelle.
  3. Abbiamo ricevuto alcuni feedback che ci chiedevano di diventare vegani che stiamo prendendo in considerazione. Nel frattempo, tutti i nostri 6 pannelli sono totalmente privi di animali!
  4. Oltre l’80% di voi piace il fatto che rilasciamo i nostri cappelli con cadute mensili.

Oltre a ciò, ci hai detto che i fattori più importanti che influenzano la tua decisione di acquistare un cappuccio Offcut sono, nell’ordine, che:

  1. ti piace lo stile del cappello
  2. è realizzato con tessuti pretagliati
  3. è fatto in Nuova Zelanda
  4. un albero viene piantato quando lo acquisti
  5. è prodotto in quantità limitata
  6. è garantito per tutta la vita

Qualcos’altro su cui volevamo sentire i tuoi pensieri era l’Asia … non se preferisci Bintang, Tsingtao o Chang, ma i tuoi pensieri su Offcut potenzialmente spostano la produzione nel continente.

Esiste un taglio per ridurre la quantità di rifiuti di tessuto che finisce in discarica. Dato che la maggior parte dell’industria tessile globale ha sede in Asia, ce l’abbiamo sempre pensata. È dai paesi asiatici che provengono praticamente tutti i nostri attuali ritagli di tessuto ed è lì che l’industria della moda globale da due miliardi e mezzo di dollari crea la maggior parte dei suoi prodotti. L’Asia è il luogo in cui vengono create milioni di tonnellate di tessuto, dove milioni di persone (5,5 milioni nella sola Cina) tagliano, cuciscono e cucono quei tessuti nell’abbigliamento e dove vengono scartate quantità non dichiarate (forse fino al 20%) di quel tessuto e finisce in discarica.

Una discarica di Bali piena di pezzi di tessuto scartati … questo è ciò che stiamo cercando di fermare.

Il nostro scopo principale è quello di impedire che ciò accada. Per questo motivo, stiamo considerando l’Asia come un potenziale posto per fare i nostri cappelli, quindi volevamo capire i tuoi pensieri al riguardo. Ci hai detto molto, con un intero spettro di opinioni: dall’indignazione al totale supporto se ci ha aiutato a diventare un’azienda globale con un impatto globale, come è nostra intenzione.

“Il nostro scopo principale è impedire che ciò accada. Per questo motivo, stiamo considerando l’Asia come un potenziale posto per fare i nostri cappelli. “

Stiamo prendendo in considerazione ognuno dei tuoi commenti e ci sono due temi ricorrenti che emergono intorno all’idea di produzione all’estero. Il primo è che si richiederebbe che qualsiasi produzione all’estero venga effettuata in condizioni eticamente e rispettose dell’ambiente. Il secondo è che ti aspetteresti che una mossa offshore comporti un calo dei prezzi quando acquisti i nostri cappellini. Abbiamo molte cose su cui riflettere e la decisione è ancora lontana dall’essere presa, ma lo sappiamo: entrambi questi punti non sono stati per noi una sorpresa e sono totalmente in linea con ciò che faremmo comunque. Complessivamente e date le due condizioni soddisfatte, la maggior parte di voi pensava che una mossa offshore sarebbe stata una cosa positiva per l’azienda e il nostro impatto. È davvero bello sapere che stiamo cantando dallo stesso foglio di brani e ti terremo aggiornato su dove finiremo per tutto questo.

Il talentuoso Thomas Seear-Budd.

“Con il tuo aiuto, siamo decisamente più vicini al raggiungimento dei nostri grandi obiettivi di lanciare pugni seri a pratiche dispendiose”.

Grazie ancora a tutti voi che avete dedicato del tempo a farci sapere cosa ne pensate. Significa davvero il mondo per noi qui e le tue risposte stanno già formando la base per le grandi decisioni che stiamo prendendo qui. Dandoci un feedback ci stai aiutando a tracciare un percorso per Offcut – non perfetto – ma migliore. Ci saranno ancora alcuni movimenti del bambino lungo la strada mentre passiamo da piccoli passi a passi più grandi, ma con il tuo aiuto, siamo sicuramente più vicini al raggiungimento dei nostri grandi obiettivi di lanciare pugni seri a pratiche dispendiose, facendo rumore sull’inefficienza in l’industria della moda, e facendo la nostra parte per frenare la crisi ambientale. Tutto questo, ovviamente, mentre ti porta le palpebre più malate del pianeta.


Originariamente pubblicato su offcut.co .