Women at Carroll – Meet Tina Facca Meiss

Come stai aggiungendo valore alla comunità JCU?

Professore associato di marketing

Da quanti anni sei al JCU?

10

Cosa c’è di speciale in JCU?

Le nostre tradizioni di servizio sono insuperabili. Non molte università (se ve ne sono) possono dire che i loro studenti servono più di 70.000 ore al semestre.

Qual è stato il tuo momento più felice al JCU?

Il mio momento più felice in John Carroll è stato quando Papa Francesco è stato eletto il 13/03/13. Avevamo confermato il “fumo bianco!” Tramite i messaggi durante la riunione della Facoltà Generale, e mi sono precipitato di nuovo in classe per tirarlo su dal grande schermo. Avevo pregato che fosse qualcuno che potesse davvero catalizzare la rete dei gesuiti e ispirarci, forse un americano.

Quella mattina mentre andavo a scuola e chiudevo i cancelli del vialetto, qualcosa mi ha convocato a guardare il cielo. Qui le nuvole si erano aperte e flussi di sole stavano scendendo proprio sopra di me! Ho detto “Oh, Signore, davvero? Oggi è il giorno? ”

Apparentemente lo era. Gli studenti erano altrettanto eccitati nell’attesa di vedere chi fosse, eravamo tutti incollati al grande schermo. Poi ho ricevuto un messaggio dal mio disturbo, dicendo che è un gesuita argentino. Ho soffocato. Come potrebbe essere giusto? Quando papa Benedetto si è dimesso, avevo mandato un sms al mio amico a Marquette, p. Nicky Santos SJ, “qualche speranza per un papa gesuita?” E la sua risposta è stata “non un’opportunità”. Bene, dimostra solo che quando preghiamo per qualcosa, non abbiamo idea di come Dio supererà le nostre aspettative se solo confida in Lui.

Successivamente, ho chiamato l’assistente dell’allora presidente p. Niehoff, “Lisa… c’è un modo in cui sarebbe venuto a parlare con gli studenti di marketing di cosa significhi per noi? Questo è davvero positivo per il marketing dell’educazione dei gesuiti! ”Ha detto che stava andando a pranzo con il vescovo e che stava solo chiamando i membri del consiglio, ma gli avrebbe dato il messaggio.

Abbastanza sicuro, pochi minuti dopo entrò in SB120. Ci fu un sussulto collettivo come se fosse il Papa stesso a varcare la nostra porta. Fr. Niehoff ha spiegato che questo era veramente qualcosa di ispirato. I gesuiti non cercano la promozione, ma se sono chiamati dal Papa al servizio (ad es. Come vescovo), rispondono di conseguenza.

Quindi, questo fa parte del motivo per cui non c’è mai stato un papa gesuita, ma non posso fare a meno di credere che Papa Francesco sia un dono del nostro tempo. Abbiamo già visto come ha raggiunto un tale amore e rispetto da parte di persone di diverse tradizioni religiose. È sorprendente che ora abbiamo un Papa che condivide le nostre stesse tradizioni ignaziane come pregare l’Esame, essere un uomo per gli altri, trovare Dio in tutte le cose, affrontare i Magis … quanto è speciale QUELLO ?! È come se fossimo “dentro” con lui.

Il nostro servizio ai poveri ed emarginati del nostro tempo sta facendo chiaramente sorridere Dio su di noi come rete globale di 200 università gesuitiche, migliaia di scuole superiori e scuole elementari, una miriade di ministeri e, soprattutto, milioni di millenni che imparano e vivono tradizioni gesuite che sono così ben fondato e pratico, che tutto è possibile se si confida semplicemente e fedelmente nella bontà del Signore.

Se avessi una bacchetta magica, come miglioreresti l’esperienza JCU?

Chiedi a tutti (tutti gli studenti, i docenti, il personale e gli amministratori) di sperimentare gli Esercizi spirituali di Sant’Ignazio, sia nel contesto di un ritiro che di un’immersione di servizio in un’altra cultura.

Curiosità su di te:

Sono stato il primo dipendente della Rock and Roll Hall of Fame and Museum, quando avevamo raccolto 100.000 firme da Clevelanders che cercavano di sbarcare qui nella Rock Hall. Ha funzionato!