Ma fa male alle articolazioni (e ad altre bugie)

Oggi sarà molto caldo a Denver, salendo a 95, che è nove gradi in meno e solo leggermente migliore dei 104 di ieri. Oy. Sono appena arrivato da una corsa di due miglia nel mio quartiere. Proprio nel momento in cui giro ad est, il sole 9:15 mi ha colpito con tutta la forza del martello di Thor. È più difficile respirare quel tipo di calore, ma mi sono trascinato avanti, su per la collina e giù per la mia strada ombreggiata, che fortunatamente è rivolta a ovest. Questo ci dà un sacco di belle temperature sull’ultima tappa a casa.

A vent’anni, ormai quattro decenni fa, correvo sempre. Un appassionato di pista (tieni presente che non ho detto STAR, ma solo un appassionato, il che significa che ero nella migliore delle ipotesi mediocre, ma amavo correre) nelle scuole medie e superiori, ero stato un corridore per gran parte della mia vita. Tuttavia, non ho trovato quello sport per aiutarmi a perdere peso. Il ciclismo lo ha fatto, insieme a cambiare le mie abitudini alimentari da ciambelle a deliziose frutta e verdura. Ma questa è un’altra storia.

Nel corso degli anni, lo spettro di fare otto miglia a un pop ha perso la sua lucentezza. Ho smesso di correre, soprattutto dopo aver provato a fare una misera due miglia a casa di un amico a Las Vegas in estate. Mi piace correre ma non sono grande sull’auto-flagellazione.

Torna a martellare il marciapiede

L’anno scorso, prima di un intervento chirurgico alla cuffia dei rotatori a maggio, ho ricominciato a correre. Lasciami essere specifico. Da quando mi sono fissato il ginocchio a 58 anni, ho fatto jogging migliaia di scale nel nostro anfiteatro naturale locale, Red Rocks. È molto diverso dal correre in appartamento. Uso le palle dei miei piedi e, di conseguenza, ho un’esperienza fisica molto diversa, così come il fatto che sono a 6200 ‘e corro su e giù per la collina. I passaggi erano più facili in alcuni modi e più difficili in altri. Ragazzo, ho un paio di polmoni e la mia resistenza è notevole. ADORO le scale. Ci amano indietro, camminando o correndo. Inoltre ci sono tonnellate di burattini là fuori. Ogni volta che mi sento senza fiato posso fare una pausa facile andando in giro con il cane di qualcuno per un momento o due.

Correre sull’appartamento, a seconda del colpo del piede, è un gioco con la palla molto diverso. Ci sono molte ricerche sulla corsa (http://running.competitor.com/is-there-an-ideal-running-form), ma il punto principale è ascoltare il tuo corpo mentre corri, corri o corri. Se qualcosa fa male, specialmente se persiste, allora vedi a riguardo. Non farcela. Il tuo corpo sta conducendo una conversazione costante con te e quando grida, presta attenzione. Potresti avere un’andatura traballante o pronato o supinato o qualcos’altro che ti sta causando problemi. Dedica del tempo per assicurarti di farlo nel modo giusto. Altrimenti rimani ferito, il che è esattamente l’opposto di quello che stai cercando di realizzare.

Foto di Jenny Hill su Unsplash

Il punto di correre – a qualsiasi età – è spingere il corpo a lavorare. I tuoi polmoni aspirano aria e il tuo cuore operoso fornisce ossigeno e sostanze nutritive a tutto il corpo. Ci sono alcuni modi più semplici per rimanere in salute. Con l’avanzare dell’età, soffriamo di inevitabile sarcopenia o perdita muscolare, il che significa che anche se corri, allenarti con i pesi in qualche forma è essenziale. La massa corporea e le ossa forti (che sono costruite sia da una dieta corretta che da un lavoro di carico) significano un sistema immunitario più efficiente, una guarigione più rapida e una salute generale vibrante. Correre o andare in bicicletta, per quanto siano belli, non sono sempre sufficienti. Anche i nostri corpi superiori hanno bisogno di lavoro per l’equilibrio, in più di un modo. Mentre perderemo la massa muscolare, qualunque cosa accada, un programma di allenamento equilibrato rallenta in questo modo, molto in basso.

L’altro pezzo inevitabile è la capacità polmonare. Secondo l’American Lung Association, raggiungi il picco tra 20 e 25. Dopo 35 anni, la nostra capacità diminuisce lentamente con l’età. C’è un ottimo motivo per cui vediamo così tante persone anziane con un cordone ombelicale in una macchina ad ossigeno (come mia madre). Dal loro articolo web:

Ci sono diversi cambiamenti naturali del corpo che si verificano man mano che invecchi e che possono causare un declino della capacità polmonare. I muscoli come il diaframma possono indebolirsi. Il tessuto polmonare che aiuta a mantenere aperte le vie respiratorie può perdere elasticità, il che significa che le vie respiratorie possono diventare leggermente più piccole. Anche le ossa della gabbia toracica possono cambiare e rimpicciolirsi, lasciando meno spazio per l’espansione dei polmoni. Fonte: http://www.lung.org/lung-health-and-diseases/how-lungs-work/lung-capacity-and-aging.html.

di Maarten van den Heuvel su Unsplash

La mia tesi è che proprio come la sarcopenia, perdere una significativa capacità polmonare NON è inevitabile. Attraverso un intenso esercizio fisico manteniamo i nostri polmoni a piena capacità, il che estende non solo la loro durata di vita, ma continua anche a garantire che i nostri cuori e sistemi circolatori funzionino al meglio per tutta la nostra vita. Quelli di noi che vivono ad altitudini più elevate stanno già lavorando un po ‘più duramente quando ci alleniamo. Questa richiesta comunica ai nostri polmoni che ci aspettiamo che si esibiscano. Ed esibirsi lo fanno. Correre fa meglio di camminare, anche se se stai facendo un’escursione, è più o meno la stessa cosa. Ottenere l’altitudine è il modo perfetto giusto non solo per godere di paesaggi lussureggianti, ma anche per spingere la nostra capacità.

Imparare a correre, il che significa come tenere i nostri corpi, usare le braccia, perfezionare i nostri colpi di piede fanno tutti parte del garantire che la nostra esperienza di corsa sia gioiosa. Outside Online ha scritto un articolo su questo (https://www.outsideonline.com/2187996/all-about-running). L’articolo offre esercizi formidabili per prepararti. Sembrano divertenti, specialmente se hai un tappetino o un bel prato verde fresco (il mio cortile NON si qualifica). Prendersi il tempo di trattare il corpo con rispetto prima di battere il marciapiede o il cemento o l’argilla o l’erba, ognuno dei quali ha un impatto completamente diverso sui nostri corpi mentre corriamo può fare la differenza tra innamorarsi di uno sport che possiamo facciamo la nostra intera vita, a qualsiasi velocità, e arrendendoci poco dopo l’inizio.

Foto di Filip Mroz su Unsplash

A 65 anni, sono tornato a correre non appena il tempo lo ha permesso nel mio quartiere di West Denver quest’anno. Un caro amico mi ha ammonito che mi avrebbe lacerato le articolazioni. Questa è vecchia saggezza convenzionale. Hogwash . Come in tutte le cose, dipende. Molti fattori vanno in questa domanda da quanto sei pesante a quanto corri a quanto sei adatto a quanto corri, il che serve a garantire che qualcuno abbia osservato e criticato la tua andatura. Non solo, l’arte essenziale dello stretching, che non solo fa molto per prevenire gli infortuni, ma noi atleti in età avanzata dobbiamo fare molto di più comunque. La flessibilità vacilla con l’età, a meno che non invitiamo i nostri muscoli a rimanere agili.

Sinceramente, preferisco correre 2400 gradini a Red Rocks, che è di circa un’ora, anziché tre miglia intorno al mio quartiere. Entrambi sono estremamente utili, divertenti e coinvolgenti. È altamente improbabile che farò di nuovo correre di resistenza. Tuttavia non lo so. Alcuni anni fa, dopo l’ultima corsa a Las Vegas, ho giurato di aver finito di correre per sempre.

Proprio come nel film di James Bond Never Say Never Again, dipende.

Ero in piedi sul bordo del vialetto per iniziare la mia camminata, quando il mio corpo richiedeva semplicemente di più. Quindi ho corso. Non a una velocità impressionante, ma abbastanza da farmi ansimare, sudare più forte e sentirmi assolutamente giusto quando ho fatto l’altro lato del vialetto circa quaranta minuti dopo.

Accidenti, ho pensato. È stato molto più facile di quanto pensassi.

Immagini di deposito

Per molti di noi, appunto. È davvero. Quando mettiamo da parte la saggezza convenzionale, che non si basa sulla nuova scienza e su ciò che sappiamo veramente del corpo mentre invecchia, possiamo spingere molto più forte di quanto pensiamo. Non dobbiamo essere maratoneti. Dobbiamo solo muoverci.

Quando smettiamo di muoverci, iniziamo a morire. Per non dire altro, è uno dei motivi per cui esco e corro .